» Amorevoli conversazioni


Amorevoli conversazioni

AMOREVOLI CONVERSAZIONI

PAROLE D’AMORE

LUI, LEI sdraiati su uno stendibiancheria chiuso. Detto con varie tonalità mentre la luce è soffusa.

LUI: m’ama
LEI: non m’ama
LUI: m’ama
LEI: non m’ama
LUI: m’ama
LEI: non m’ama
LUI: M’AMA !!!!!!

LEI alza un braccio e, alzando le dita una alla volta: Dire, fare, baciare, lettera….testamento.
LUI, afferrandole e baciandole rumorosamente la mano: Baciare!!!!

Sale la luce, LUI la bacia fra risate complici. Si siedono davanti lo stendibiancheria uno di fronte all’altro con giornali immobiliari, cerchiando col pennarello.
LEI stringe il giornale al petto e guardandolo negli occhi con sorriso e voce stucchevole gli canta: In una casa molto carina, senza soffitta senza cucina…. Non si poteva andarci dentro perchè non c’era il pavimento… Ma era bella, bella davvero, in via dei Matti al numero zero…

Lo guarda sbattendo le ciglia,sorridendo forzatamente, LUI la guarda in segno di disapprovazione la spinge bruscamente fino a farle perdere l’equilibrio. Poi prima LUI poi LEI si alzano ed iniziano ad aprire lo stendibiancheria.
LUI con fare esperto, descrivendo con le mani uno scenario immaginario: In una bella strada privata,verde,luminosa, giardino condominiale, posto auto e garage spaziosissimo, un quasi due posti. Appartamento con finiture signorili (segni di maestosità , potenza e senso di sicurezza), ampi vani doppi servizi ed una bella cucina spaziosa. Camera vista colli, letto ad acqua(ammicca pizzicandola). Trattativa riservatissima, prezzo trattabile, libero anche da subito VENDESI!!!!

Si abbracciano felici, LUI prende in  braccio LEI, fa il giro dello stendibiancheria, la fa scendere ed entrare per prima nello spazio interno.
Si stringono ed iniziano a cantare: Quando sei qui con me, questa stanza non ha più  pareti, ma alberi…..alberi infiniti…quando tuuu sei vicino a meee…..

A questo canto, lui con evidente fastidio, si stacca dall’abbraccio e si sposta piano piano…sempre più distante…Rimangono seduti diritti paralleli, fissando il vuoto davanti a loro.
Iniziano un dialogo alternato nel quale, chi parla, volta la testa verso l’altro, per tornare a guardare il vuoto davanti quando è il turno dell’altro.

LEI: Una casa senza le tende non è una casa
LUI: Il pollo non mi pace
LEI: Perchè nessuno ci ha regalato i sottopiatti?
LUI: La pasta scotta non la mangio
LEI: Il termoarredo lo mettiamo sul comò
LUI: Non usare il mio accappatoio
LEI: Domenica viene a pranzo la zia Clara
LUI: Gioca a tennis dalle 8 alle 9 tutte le sere
LEI: Una volta uscivamo sempre
LUI: Dove hai messo i miei calzini?

Improvvisamente lui cerca di scappare, trattenuto per le gambe da lei. Inizia una lotta nella quale cerca di afferrarlo: Escono dallo stendibiancheria ponendosi l’uno opposto all’altra tenendo gli estremi dello stendipanni tirandolo avanti ed indietro, a destra e a sinistra contendendoselo furiosamente.

LUI: Costretta dall’avversario la squadra ha reagito alla possibile sconfitta, ma il carattere dei giocatori si è visto poco. Niente attacchi, scarsi i passaggi, azioni inutili, malintesi sul campo. Non si prevede per il futuro il ritorno in zona salvezza.

LUI se neva spogliandosi di calze, pantaloni, cravatta, maglione e camicia.
LEI raccoglie ciò che LUI si è tolto, le annusa e stendendole nello stendibiancheria con voce sofferente: Se volete i vostri mantenere i vostri capi come nuovi è consigliabile acqua fredda o al massimo a 30 gradi per la lana e i delicati.  (a questo punto LUI la abbraccia e la porta in una valzer che si conclude con una piroette di LEI)
Mentre danzano LEI: Non centrifugare, non torcere i capi  ma premerli delicatamente, con cura, con amore….
La danza si trasforma in un fastidioso abbraccio di LUI, che LEI tenta invano di staccare mentre disperatamente pronuncia: Il calcare….è il nemico della casa…Angoli, piastrelle, lavandini, insidiati dall’acqua perdono lucentezza e vitalità  goccia dopo goccia, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno….
(il tono si addolcisce mentre lui sempre abbracciandola scivola a terra piano piano)  Ma….solo l’uso costante dell’anticalcare…ad ogni lavaggio…giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno può mantenere le cose  che amate belle come il Primo Giorno….

LEI resta in piedi appoggiata ai fili come al davanzale di una finestra.
LUI estrae il cellulare tornando sotto lo stendibiancheria sedendosi sottoposto alla compagna: Buonasera, sono Andrea: volevo fare una domanda al Mister, Sà volevo sapere …perchè insiste col pressing? Non le sembra una situazione pericolosamente instabile? perchè io dico, in questo modo non abbiamo costruito azioni, pensiamo piuttosto a potenziare l’attacco invece di schierarci sempre in difesa. Grazie e….. ciao agli amici del Bar Gianni.
LEI, col suo cellulare: Buonasera, sono Sivia, volevo chiedere al Professore cosa ne pensa della crisi che sembra colpire la coppia moderna….Grazie e…Complimenti per la trasmissione!!!!
LUI: Ciao. telefono per l’annuncio di Venerdì (estrae dalla tasca un ritaglio di giornale) ..eh…eh..dov’è¨? ah ecco: scopo amicizia 23enne bella ed abbondante presenza conscerebbe giovane brillante sessualmente dotatissimo!!!!
LEI: B…buonasera, sono cuspide Acquario ascendente Toro… volevo chiedere a Vanessa il parere degli astri sul mio futuro….in particolare…in particolare sull’AMORE!!!!

e su queste parole i due girano lo stendibiancheria perpendicolare al terreno davanti ai loro visi, restando l’una in piedi sopra l’altro seduto, aggrappati ai fili/sbarre, effetto PRIGIONE.

Condividi:
  • Facebook
  • MySpace
  • TwitThis
  • Live
  • E-mail this story to a friend!

Un commento

  1. Pubblicato marzo 15, 2009 il 4:14 pm | Permalink

    wow!

Post a Comment

You must be logged in to post a comment.